Skip to main content

Home / TRENTINO / Valsugana e Lagorai / Catena del Lagorai / Escursione Val Grugola Lago Pisorno Lago Calaita

Ultimo aggiornamento: 09/12/2011

Escursione Val Grugola Lago Pisorno Lago Calaita

Bellissimo itinerario di fronte al Gruppo delle Pale e alle Vette Feltrine.

Gruppo Grugola Folga Scanaiol

Bellissimo  percorso ad anello che ha inizio dal Lago di Calaita, gioiello della Valle di Vanoi, che si trova su di una sella  a nord della Val di Lozen ed è separato dalla Val Cismon  da una modesta dorsale formata dal Col Santo, Spiz del Doch e Monte Bedole. L’itinerario ad anello risale dapprima la Val Grugola  sino alla Forcella

Tracciato Percorso Calaita Pisorno

Folga per poi piegare verso nord e  atraversare i versanti orientali   di Cima Folga e Cima Grugola un po’ sopra il Laghetto delle Giarine.  Una deviazione verso ovest ci consente di visitare il solitario Lago Pisorno che si trova ai piedi di Cima Arzon.  L’anello si conclude scendendo al lago di calaita lungo l’Alpe e la Val Pisorno.  Grandiosi i panorami sul settore sud ovest delle Pale di San Martino, sulle Vette Feltrine e la catena del feltraio, sul Gruppo Cimonega- Sas de Mur.

Aspetti positivi:  itinerario in ambiente selvaggio e con bellissimi panorami  sul versante sud  ovest delle Pale di San Martino e sulle Vette Feltrine.  Affascinante il solitario Lago di Calaita. Percorso senza difficoltà e pericoli.

 Criticità = elementi da considerare:  percorso poco segnalato tra Malga Grugola e Forcella Folga (autunno 2007).

Val Grugola

Percorso stradale:  da Trento si prende la statale 47 della Valsugana. Superato Primolano si imbocca la SS 50 del Primiero  percorrendola sin dopo Pontet dova , a una rotonda si prende la nuova galleria per Canal San Bovo. In località Lausen si gira a destra   seguendo la Strada Provinciale 79. In totale circa 106 Km. Da Bassano

Val Grugola e Lago Calaita

del Grappa ss. 47 sin prima di Primolano e poi come sopra. Circa 70 km.

 Itinerario:  dal parcheggio sottostante ol Lago di Calaita si attraversa la statale per imboccare una strada forestale dove su una tabella di legno viene riportata l’indicazione Malga Grugola. Dopo un centinaio di metri  si arriva al bivio tra il sentiero 347 e la  forestale per Malga Grugola che su alcune carte  ha come segnavia  il numero 358. Si procede verso Malga Grugola. Dopo pochi

Verso Forcella Folga

minuti di percorso nel bosco si incontra un’altra tabella   questa volta riportante l’indicazione Forcella Folga e il numero 358. Dopo circa mezz’ora di cammino il bosco cede il passo ad ampi pascoli e improvvisamente di fronte a noi, in alto  si scorga Malga Grugola: di fronte a noi la bella Catena di Cima d’Oltro e Cima del Feltraio ove corre il Sentiero delle Regade. Alla Malga un cartello indica la direzione da seguire, s.358.  Al posto della mulattiera ora c’è una labile traccia tra  rada vegetazione, cespugli e pendii erbosi.  Sovente la traccia si perde ma abbastanza chiara è la direzione  da seguire, ovest, avendo come obiettivo la linea di cresta e  la sella   erbosa costituita da Forcella Folga.

Man mano che si prende quota i cespugli cedono il passo a bei pascoli tra i quali  il sentiero  si nota ora con minore difficoltà. Ben

Lago Giarine e Gruppo Cimonega

presto si arriva  a Forcella Folga superando quasi senza vederlo il minuscolo  Lago delle Giarine, pressochè asciutto nell’autunno 2007.  A forcella Folga il panorama è veramente vasto, verso sud  i pascoli dell’alta Val di Lozen, verso nord si scorge il profilo erboso di Cima Folga e Cima Grugola, verso est  Le vette Feltrine, Il massiccio  del Cimonega e Piz di Sagron con l’imponente Sas de Mur. L’itinerario prosegue a destra, nord, seguendo il segnavia 347, che taglia  trasversalmente con

Lago Calaita e Val Pisorno

diversi saliscendi  i ripidi pendii erbosi di Cima Folga e Cima Grugola. Dopo meno di  un ‘ora  in un pendio ricoperto di detriti si incontra un cartello con  indicato  Alpe Pisorno, m.2100. Poco più avanti  uno sbiadito cartello di legno   ci indica la deviazione per il Lago Pisorno ( secondo  alcune carte il Lago Pisorno  si trova invece  un centinaio di metri più sotto nella Valle di Pisorno a quota 2014 in direzione est).  Seguendo l’indicazione invece  il sentiero risale  in direzione nord L’Alpe Pisorno e dopo aver superato un dislivelli di poco più di cento metri si arriva al Lago di Pisorno sotto la modesta Cima Arzon. (circa 25 minuti di cammino). Dal lago un cartello indica una traccia per Cima Agnelessa .

L’itinerario prevede invece di tornare sui propri passi e riportarsi all’Alpe Pisorno  e discendere l’omonima valle e oltrepassare  sulla destra il laghetto a quota 2014 (asciutto nell’autunno 2007) e con una tranquilla discesa  prima tra pascoli e poi nel bosco, arrivare al Lago di Calaita.

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo totale Note,  difficoltà, riferimenti
Parcheggio Lago Calaita 1620 strada      
Bivio  347 e Malga Brugola 1620 358 O,05   Il cartello indica Malga Grugola, senza numero
Malga Grugola 1783   0,30 0,35  
Lago delle Giarine 2124   1,10 1,45  
Forcella Folga, b.347 2196 347 0,10 1,55  
Alpe Pisorno 2100   1,00 2,55  
Lago Pisorno 2227 ssn 0,25 3,20 Sentiero senza numero
Alpe Pisorno 2100 347 0,15 3,35  
Parcheggio Lago Calaita 1620   0,50 4,25  

Nota: i tempi di percorrenza indicati nelle tabelle sono del tutto indicativi e   si riferiscono ad una andatura media  (circa 300 - 350 metri di dislivello per ogni ora di salita, circa 500 m.  in discesa, circa 3 Km ogni ora  in pianura), non comprendono le soste e sono  relativi a condizioni  del terreno e meteorologiche  normali. Alcune quote indicate  generalmente contraddistinte da  (*), sono approssimative.

Dati generali:

Grado di difficoltà dei sentieri:  E, escursionistico

Segnaletica:  carente  nel tratto tra Malga grugola e Forcella Folga.

Lago Pisorno gelato

Località di Partenza:  Parcheggio  Lago di Calaita

Punto di partenza:  il medesimo.

Punto di arrivo:  il medesimo, percorso ad anello.

quota massima: m. 2220 circa, Lago Pisorno.

Dislivello in salita: m. 700 circa incluse le risalite.

Lunghezza percorso:  8 km circa

Tempi di Percorrenza: ore  4,30

Punti di appoggio intermedi:  Malga Grugola.

Numeri di Segnavia: forestale per pochi metri, 358, 347,

Periodo consigliato:  metà  giugno – fine  ottobre.

Vie per il rientro anticipato a valle:  -

Cartografia: Editrice la Giralpina, Foglio n.6 “Pale di San Martino, Cimonega, Vette” scala 1/25000.

Informazioni turistiche: Azienda per il Turismo del Primiero, tel. 0439768867, Consorzio Pro Loco Canal san Bovo  Tel.0439719041

Trasporti pubblici: Trentino Trasporti, tel.0461821000