Skip to main content

Home / TRENTINO / Valsugana e Lagorai / Catena del Lagorai / Alta via della Cavallazza e della Tognazza da Passo Rolle

Ultimo aggiornamento: 09/12/2011

Alta via della Cavallazza e della Tognazza da Passo Rolle

Percorso abbastanza facile con meravigliose vedute sulle Pale di San Martino.

tracciato anello cavallazza da Piccolo Colbricon

Emozionante percorso ad anello di fronte alle Pale di San Martino e ai due Colbricon con partenza ed arrivo a Malga Rolle.  Le difficoltà sono abbastanza contenute anche se il sentiero in alcuni punti attraversa dei pendii molto ripidi. Lungo il cammino si incontrano  tre gioielli azzurri come il Lago di Cavallazza e in particolare i  due laghi di Colbricon.  Distanza e dislivello rendono questo itinerario  alla portata di persone che hanno si dimestichezza con la montagna, ma non dispongono di grande

Cimon de la Pala da Tognazza

allenamento. 

Aspetti positivi:  percorso  di media durata, dislivello contenuto, difficoltà media, panorami veramente suggestivi specialmente sulle Pale di San Martino. Escursione vivamente consigliata.

 Criticità = elementi da considerare:  qualche difficoltà nel seguire la traccia  nel tratto iniziale.  Egnaletica scarsa. Maggiore esposizione e tratti attrezzati se si opta per la salita alla Cavallazza Piccola, raccomadabile anche per la presenza di numerose opere di fortificazione militare risalenti

Via di salita sul crinale della Tognazza

al primo conflitto bellico

Percorso stradale:  da Egna,  uscita autostradale dell’Autobrennero si imbocca la  Statale 48 delle Dolomiti sino  a Predazzo, ove si devia per il Passo Rolle.  Circa 58 km dal’uscita autostradale di Egna.

 Itinerario:  Dal Passo Rolle  si attraversa il parcheggio verso sud   e ci si dirige verso la Cresta della Tognazza  dove tra radi arbisti e pietre si individua una chiara traccia senza numero  che risale il versante  nord  della montagna.  Come riferimento si può tenere la stazione a monte dell’impianto di risalita, il sentiero passa proprio

Colbricon e stazione a monte seggiovia

sopra, portando in un balcone naturale con una tabella segnaletica. Già dai primi passi  lo spettacolo è garantito: impressionanti le vedute su tutto il settore occidentale delle Pale, dal Cimon della Pala di Fronte a noi sino in direzione sud alle inconfondibili e slanciate figure del Sass Maor e del Velo della Madonna.  Procedendo in direzione  sud  sud ovest si oltrepassano tre minuscoli laghetti e con un cambio di pendenza

Monte Mulaz da pendici Cavallazza

si sale diagonalmente lasciando sotto di noi il bel Lago di Cavallazza oltre il quale  si  notano i due Colbricon , Grande e Piccolo. Ben presto si incontra una tabella che  indica la deviazione per la Cima Cavallazza Piccola.  Coloro che non hanno problemi a percorrer sentieri attrezzati e con qualche tratto esposto possono cimentarsi con questa variante  che regala panorami bellissimi anche sulla Valle del primiero e soprattutto ci porta a conoscere le numerose e ben conservate opere di fortificazione della grande guerra.  Proseguendo a destra invece  il sentiero risale i pendii erbosi ma ricoperti di numerosi detriti porfirici  della Cavallazza Grande,  dapprima in ripida pendenza e in  direzione sudpoi girando verso ovest e passando poche decine di metri sotto la cima, distinguibile per l’immancabile croce lignea. In pochi minuti si può salire sulla panoramica cima  abbandonando  il sentiero.

La discesa verso i sottostanti Laghi di Colbricon, le cui macchie di azzurro  si fanno sempre più grandi via via che  si scende, è abbastanza ripida e su terreno  in parte

Lago e Cima Cavallazza

sdrucciolevole, ma senza reale pericolo. In circa  40 minuti si arriva ai laghi e al piccolo Rifugio. Si consiglia di  fare tutto il giro dei laghi anche perché dalla sponda nord si inizia a intravedere il grande circo delle Pale.

Una  rilassante passeggiata tra i boschi, ci riporta in lievissima  salita dopo tre quarti d’ora di  piacevole cammino  al Passo Rolle.

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo totale Note,  difficoltà, riferimenti
Passo  Rolle 1984 ssn     Sentiero senza numero
Cima Tognazza 2209   1,00    
Lago Cavallazza vic.ze 2141   0,30    
Cima Cavallazza 2324   0,40    
Laghi Colbricon 1927 348 0,40    
Passo Rolle 1984   0,50 3,40  

 

Cartina anello Tognazza Cavallazza

Elaborazione su cartina per gentile concessione Editrice Lagiralpina. Tel.0432800870

Nota: i tempi di percorrenza indicati nelle tabelle sono del tutto indicativi e   si riferiscono ad una andatura media  (circa 300 - 350 metri di dislivello per ogni ora di salita, circa 500 m.  in discesa, circa 3 Km ogni ora  in pianura), non comprendono le soste e sono  relativi a condizioni  del terreno e meteorologiche  normali. Alcune quote indicate  generalmente contraddistinte da  (*), sono approssimative.

Dati generali:

Grado di difficoltà dei sentieri:  E, escursionistico. EE con qualche tratto attrezzato se si opta per la Cavallazza Piccola.

Segnaletica: sufficiebte, escluso il primo tratto da passo Rolle

Località di Partenza:  Passo Rolle o Malga Rolle

lago Colbricon e Cima Cavallazza

Punto di partenza:  il medesimo.

Punto di arrivo:  il medesimo, percorso ad anello.

quota massima: m. 2324, Cima Cavallazza

Dislivello in salita: m. 400 circa. incluse le risalite.

Tempi di Percorrenza: ore    3,30 – 4,00 esclusa salita alla Cavallazza Piccola.

Punti di appoggio intermedi: Rifugio Laghi di Colbricon

Numeri di Segnavia: ssn, 348

Periodo consigliato:  metà  giugno – fine  ottobre.

Vie per il rientro anticipato a valle:  -

Cartografia: Editrice la Giralpina, Foglio n.6 “Pale di San Martino, Cimonega, Vette” scala 1/25000.

Informazioni turistiche: Azienda per il Turismo del Primiero, tel. 0439768867

Trasporti pubblici: Trentino Trasporti, tel.0461821000