Skip to main content

Home / TRENTINO / Val di Non / Catena delle Maddalene / Anello del Monte Pin Laghi di Grumi, Catena delle Maddalene, Trentino

Ultimo aggiornamento: 15/12/2011

Anello del Monte Pin Laghi di Grumi

Bel percorso con grandi panorami sulla Val di Bresimo e sulle Maddalene.

La bella Val di Bresimo

Siamo in alta Val di Non, nella sperduta ma affascinante Valle di Bresimo. E’ un Itinerario abbastanza faticoso per l’importante dislivello da superare e per la lunghezza del tracciato.  In compenso il panorama offerto dalla  aerea cima del Monte Pin ripaga ampiamente delle fatiche.

Aspetti positivi:  itinerario di notevole interesse tra alti pascoli, bei  panorami.

Panorama sulle Maddalene da Malga Borca

 Criticità = elementi da considerare:  percorso molto lungo, segnaletica carente tra Malga Stablei e il Castello di Altaguardia, possibilità di smarrire la traccia corretta per la presenza di incroci non adeguatamente segnalati. (situazione 2009) Assenza di punti di ristoro e rifugi. Piuttosto lungo e monotono il tratto nel bosco tra M.ga Stablei e Bevia di Bresimo.

Malga Bordolona e Val del Vento e Cima Trenta

Percorso stradale:  da San Michele all’Adige, uscita a 22,  si prende la Statale 43 della Val di Non. Dopo il Ponte di Mostizzolo si gira a sinistra per la S.P. 6.  in direzione Rumo e poi per le frazioni  Mocenigo e Lanza. A Lanza in direzione nord ovest si prende per malga Bivacco Val fino al Pont dal Vat dove un divieto ci impone di parcheggiare e proseguire a piedi.

Itinerario:  parcheggiata l’autovettura  nei pressi del centro della Frazione Bevia di Bresimo . Ci si incammina verso la frazione Fontana, ovest, ben presto si

Cresta ovest Monte Pin

noterà un cartello con il segnavia 131. Si procede  a lungo per  sentiero in fitto bosco  aggirando le pendici meridionali del Monte Pin. Dopo circa un’ora e mezzo in una radura un cartello riporta il nome della località “Stavel”, quota 1720.  Si continua sul 131   e il bosco pian piano cede il passo ai pascoli: dopo circa mezz’ora si arriva alla  Malga Borca di Sotto, piccola costruzione circondata da abeti e larici con bel panorama sulla valle e sulla dorsale Cima Lac Punta Lainert Cima di Quaira.

Il sentiero 131 ora piega decisamente verso nord nord-est  e in circa 30 minuti passa accanto ai ruderi della Malga Borca di Sopra, ora  è ben visibile la linea di

Nebbie su Val di Non da Monte Pin

cresta erbosa  che congiunge il Monte Pin alla Sella di Piron. Dopo circa  50 minuti di persistente salita tra pascoli si arriva al Bait dei Vaciari, m.2305, ove il s.131 interseca il 131b che porta a Malga Binasia di Sopra. Ancora mezz’ora di cammino  sulla cresta erbosa e finalmente si arriva in vetta al Monte Pin, bella croce in ferro, che offre uno spettacolare panorama a 360 gradi.

La seconda parte dell’itinerario  ci  porta  a Sella di Piron sempre sul segnavia 131 che superando ripidi pendii su terreno  ricoperto di detriti. A Sella Piron si continua verso nord con il sentiero 149 che ben presto  ci  porta in riva ai Laghetti di Grumi, purtroppo asciutti nel 2009. Da qui si ignora il sentiero per i bei

Sella Piron e Laghi asciutti di Grumi

pascoli di Malga Grumi e si continua con il sentiero 149 in leggera salita e in direzione est. Si aggirano i versanti settentrionali del Monte Pin  e dopo poco meno di un’ora di cammino si arriva a Malga Stablei , m.1790 (privata). Ora il sentiero 149 abbandona la comoda forestale che sale  da Rumo e si immette  nei boschi in direzione sud completando l’aggiramento del Monte Pin. Il sentiero è veramente poco frequentato e sovente la traccia si fa labile specialmente nei tratti erbosi. Dopo quaranta minuti da Malga Stablei si arriva a Bassetta Giovel, qui si deve fare attenzione ad imboccare il sentiero  149 e non seguire la forestale che porta a Preghena.  Finalmente dopo aver superato numerosi valloncelli con tratti in saliscendi anche ripidi nei pressi dei corsi d’acqua si arriva al Castello di Altaguardia risalente al primo millennio, meritevole di una visita.  Una panoramica passeggiata ci riporta a  Bevia di Bresimo.

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo totale Note,  difficoltà, riferimenti
Bevia di Bresimo 1055 131 - -  
Stavel 1720   1,40    
Malga Borca Sotto 1842 131 0,30 2,10  
Malga Borca di Sopra, ruderi 2015   0,30 2,40  
Bait dei Vaciari, bivio 131 b 2305 131 0,50 3,10  
Monte Pin 2419   0,30 3,40  
Sella Piron 2216 149 0,30 4,10  
Laghetti di Grumi 2090 149 0,15 4,25  
Malga Stablei, b.148 1764 149 0,50 5,15  
Bassetta Giovel 1580 149 0,40 5,55  
Castello Altaguardia 1275 149 0,55 6,50  
Bevia di Bresimo 1055 - 0,30 7,20  

Nota: i tempi di percorrenza indicati nelle tabelle sono del tutto indicativi e   si riferiscono ad una andatura media  (circa 300 - 350 metri di dislivello per ogni ora di salita, circa 500 m.  in discesa, circa 3 Km ogni ora  in pianura), non comprendono le soste e sono  relativi a condizioni  del terreno e meteorologiche  normali. Alcune quote indicate  generalmente contraddistinte da  (*), sono approssimative.

Dati generali:

Grado di difficoltà dei sentieri:  E, escursionistico.

Segnaletica: carente nel tratto Malga Stablei Castello di Altaguardia (situazione 2009)

Località di Partenza:  Bevia di Bresimo

Punto di partenza:  il medesimo.

Punto di arrivo:  il medesimo, percorso ad anello.

quota massima: m. 2420, Monte Pin

Dislivello in salita: m. 1364 circa.

Lunghezza percorso: -

Tempi di Percorrenza: ore  7,30 escluse le pause

Punti di appoggio intermedi: -.

Numeri di Segnavia: 131, 149.

Periodo consigliato:  metà  giugno – fine  ottobre.

Vie per il rientro anticipato a valle:  da Passo Termen de Val con sentiero 113.

Attrezzatura: normale da media montagna.

Cartografia: Carta Turistica le Maddalene,  Apt Valle di Non, scala 1/25000.

Informazioni turistiche: Azienda per il Turismo della Val di Non, tel. 0463830133

Trasporti pubblici: Trentino Trasporti, tel.0461821000