Skip to main content

Home / TRENTINO / Val di Fiemme / Gruppo del Latemar / Via ferrata Campanili del Latemar

Ultimo aggiornamento: 19/09/2011

Via ferrata Campanili del Latemar

Escursione tra le sculture della natura.

Magnifico sentiero attrezzato che in quota attraversa le Torri del Latemar dalla Forcella dei Campanili sino alla Forcella Grande del Latemar dove è situato il bivacco Rigatti. Si percorre in circa ore 1,30. Non presenta difficoltà tecniche molto impegnative, anche se in qualche tratto è abbastanza esposto. Un traverso su dei gradini

infissi nella roccia, nella parte  prossima al bivacco  Rigatti, sollecita abbastanza le braccia. Tutto il percorso è veramente fantastico per la vastità dei panorami offerti e per la bellezza dei pinnacoli del Latemar.

Avvicinamento: Se non si vuole sottoporsi a   rilevanti tour de force  è consigliabile  avere come campo base il Rifugio Torre di Pisa e percorrere il sentiero in direzione est dopo aver ammirato le straordinarie torri di roccia tra le quali spicca per la curiosa inclinazione la “Torre di Pisa”

Ritorno: Dalla Forcella Grande si può percorrere un anello imboccando il facile  sentiero 18 che riporta  alla Forcella dei Campanili e di qui  al Rifugio Torre di Pisa con il sentiero 516.

Alternativa senza pernottamento in rifugio. Escursionisti dotati di ottima resistenza potranno partire da Passo Pampeago e salire al Rifugio Torre di Pisa passando per Passo Feudo. Dal Rifugio alla Forcella dei Campanili e da qui alla Forcella Grande. Indi per sentiero  nr 18 si ritorna verso il rifugio Torre di Pisa passando alla base delle Torri del Latemar, versante meridionale.  Superata la Forcella dei Campanili dopo circa  20 minuti si incontra il bivio per il sentiero 22 o 23 che si imbocca sino a

raggiungere la Forcella dei Camosci. Di qui inizia un bellissimo sentiero  in una foresta pietrificata o sentiero delle Leggende (Sagenwanderung).  

E’ anche possibile  fare l’intera attraversata del Latemar proseguendo con il sentiero 18  e risalendo dalla Forcella Grande  lo Schenon attraversando  le Gole Negre e la Forcella Piccola del latemar sino ad arrivare al Passo di Costalunga o nei pressi del Lago di Carezza

Tabella approssimativa tempi parziali di percorrenza e andamento altimetrico

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo compless Note,  difficoltà, riferimenti
Alpe di Pampeago 1830        
Prà Vedel 1900        
Passo di Pampeago 1993        
Passo Feudo 2121 516 1,10    
Rifugio Torre di Pisa 2691   1,30    
Forcella dei Campanili 2600 511 1,10    
Forcella Diamantidi 2740   0,40    
Forcella Grande, Bivacco  Rigatti 2620 18 0,50 5,20  
Forcella dei Campanili 2600   O,40    
Bivio s. 18-516 e 23   23 0,20    
Forcella dei Camosci 2636   0,25    
Bivio  sentieri 23 e 22   22 1,00    
Maieralm     0,35    
Alpe di Pampeago 1993   0,40 9,00  

Mappa ferrata Campanili Latemar

Cartina per gentile Concessione La Giralpina tel.0432-800870

Dati generali:

Grado di difficoltà: EEA-D

Località di Partenza: Alpe di Pampeago

Punto di partenza: Alpe di Pampeago

Punto di arrivo: Forcella Grande

 quota massima: 2800, Torre del Latemar (salita opzionale)

Dislivello in salita: 1100 circa

Tempi di Percorrenza: ore 1,40 solo percorso attrezzato

Punti di appoggio intermedi: Rifugio Ttorre di Pisa, Bivacco Rigatti.

Numeri di Segnavia: vedi tabella

Vie consigliate per il rientro anticipato alla base:

periodo consigliato:

Principali  cime attraversate: Torri del Latemar,

indicazioni particolari: bellissimo sentiero delle Leggende, nr. 23 in caso si optasse per  l’anello lungo.