Skip to main content

Home / TRENTINO / Val di Fassa / Gruppo del Sella / Traversata del Gruppo del Sella da Passo Gardena a Passo Pordoi

Ultimo aggiornamento: 05/12/2011

Traversata del Gruppo del Sella da Passo Gardena a Passo Pordoi

Lungo magnifico itinerario nell'altipiano desertico del Sella.

Sas de Forcia e Sas Pordoi da Piz Boe

Bellissimo itinerario sul grande altipiano desertico del Sella  che attraversa il gruppo da nord a sud. Percorso che presuppone buone condizioni fisiche e  dimestichezza con la montagna e piede fermo anche se  non vi sono rilevanti difficoltà. Il massicico del Sella offre numerose possibilità di salita e discesa dai vari lati con  una molteplicità di percorsi comprese tre ferrate tutte assai impegnative: qui si propone la traversata da nord a sud senza utilizzo degli impianti. Per ritornare al punto di

Rifugio Maria e Rifugio Forcella Pordoi

partenza bisogna prevedere una seconda auto, in stagione si può utilizzare, dopo averne verificato gli orari, l’efficiente servizio  bus Sellaronda che  collega i vari passi attorno al gruppo.

Aspetti positivi:  grandioso itinerario  che ci avvicina  all’inconsueto ambiente desertico dell’Altipiano del Sella superando gioielli come il lago Pisciadù e le torri e i pinnacoli del Sella. Possibilità di salire o scendere con la Funivia di Sass Pordoi (attenzione ai periodi e agli orari  di funzionamento

Criticità = elementi da considerare:  percorso assai lungo e faticoso con dei tratti impegnativi, sebbene  non troppo  pericolosi, raggiunge quote attorno ai 3000

Altipiano del Sella da Piz Boe

metri. Da evitare in caso di nebbia e tempo incerto.  Trattandosi di una traversata bisogna pensare al ritorno servendosi di una seconda auto o di utilizzare, in stagione il servizio bus navette Sellaronda (per orari contattare la Apt di Fassa o di Val Gardena).

Percorso stradale:  da Egna,  uscita autostradale dell’Autobrennero si imbocca la  Statale 48 delle Dolomiti sino a superare Canazei, il Passo Sella, e da qui il Passo Gardena. Circa 84 km dal’uscita autostradale di Egna. Percorso alternativo da Chiusa, Klausen, uscita A 22, per s.s. 242: circa 37 km.

Itinerario senza utilizzo impianti:  dal parcheggio presso il Passo Gardena si imbocca il sentiero  666 che in direzione sud est aggira le pareti rocciose del Campanile Campidel sino ad imboccare l’ombroso e ripido canalone ghiaioso di Val Setus. Risalito il ghiaione il sentiero supera con alcuni tratti attrezzati diversi salti di

Val Lasties da Piz Boè

roccia tra le pareti del  Campanile Campidel e la Bruneck Turm. Dopo faticosa ascesa si arriva in vista  dell’ ampia  sella sulla quale sorge il Rifugio Cavazza al Pisciadù con l’omonimo lago alle spalle.  Impressionanti davvero le aspre pareti di Cima e Torre  Pisciadù sulla sinistra, est, e del Sass da Lech, enormi colossi  che si elevano a baluardi del ghiaioso Vallon di Pisciadù alla base del quale, incredibilmente, vista la natura del terreno, si trova  il ceruleo Lago di

Torri del Sella e Sassolungo

Pisciadù, m.2564. Al centro, a sbarrare la valle, la lunga barriera delle Mesules.

Il sentiero 666  si arrampica ora sulla destra orografica del vallon di Pisciadù con accentuata pendenza inoltrandosi poi sempre su terreno assai scosceso e più roccioso  nella Val di Tita per aggirare lo sperone ovest di Cima Pisciadù. Dopo circa un’ora di dura salita si arriva al bivio  sulla sinistra per Cima Pisciadù, l’itinerario procede diritto in direzione sud con pendenza più  contenuta, alternata a qualche strappo, arrivando finalmente su una vasta distesa  ondulata e semipianeggiante, caratterizzata da alture e conche profonde dal vago sapore lunare . Dopo circa 40 minuti dal bivio per la cima Pisciadù si arriva  al bivio con il s.649 lasciandosi sulla sinistra il Sas da Mezdì. Pochi minuti ancora e si raggiunge il bivio  con il s.647 nei pressi della Forcella di Antersass, m.2861. Si procede ancora verso sud est con fenomenale vista sulla Torre

Piz Boe e altipiano del Sella da Sas Pordoi

Berger e sulla Valle di Mezdì, con la Val Badia e il Sassongher. Ormai siamo di fronte al Piz Boè e molto vicini al Rifugio che porta lo stesso nome.

Dopo una meritata sosta bisogna valutare se si vuole risalire la cima del Piz Boè mettendo in conto circa 250 metri di salita su di un percorso attrezzato (calcolare

Imbocco Val Setus

almeno un’ora in più) oppure se proseguire con il più tranquillo sentiero 627 che in leggera  salita   tagliao trasversalmente il fianco ovest del Piz Boè sino a ricongiungersi con il sentiero 638 che dalla Forcella Pordoi sale al Piz Boe e scende al Rifugio Kostner. Al bivio  si individua chiaramente l’ultima parte di questo lungo e bellissimo itinerario: la traccia taglia diagonalmente in falsopiano il Sas de Forcia e arriva alla Forcella. Una  modesta salita di 25 minuti lungo il versante nord del Sass Pordoi porterebbe alla stazione a monte della Funivia (Rifugio Maria) con la quale in pochi minuti, ma attenzione all’orario di funzionamento, si scende al Passo Pordoi.

L’itinerario  qui descritto prevede invece, una volta raggiunta la Forcella Pordoi, la discesa diretta a valle per il sentiero 627: si supera un dislivello di circa 600 metri in poco più di un’ora avendo di fronte un panorama superbo sulla Marmolada e sulle Creste del Padon.

Varianti: al Rifugio Boè si può salire la ultra panoramica  Cima del Piz Boè arrivando a Capanna Piz Fassa, m.3102, allungando il tragitto di circa un’ora inclusa la discesa.

Lago e Vallon Pisciadù

Modesti tratti attrezzati in scarsa esposizione.

Varianti 2: il percorso può essere intrapreso in senso contrario  utilizzando la Funivia del Sass Pordoi, (per gli orari e i periodi di funzionamento rivolgersi alla Apt di Fassa di Canazei). In tal caso la partenza sarà dal Rifugio Maria, dal quale in circa  30 minuti si arriva al  Rifugio Forcella Pordoi e da li si percorre l’itinerario descritto a ritroso. Tutto questo percorso, inclusa la salita al Piz Boè comporta  una durata di circa 4 ore e mezzo, con una lunghezza di  10 Km circa, un dislivello in salita di m.600 e in discesa di m.1425.

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo compless Note,  difficoltà, riferimenti
Passo Gardena, Groedner Joch 2134 666      
Bivio s.66a 2166   0,30    
Rifugio Pisciadù 2580   1,40 2,10  
Bivio per Piza Pisciadu 2805   1,00 3,10  
Bivio ss.666 e 649 2866   0,40 3,50  
Rifugio Boè 2860 627 0,20 4,10 Bivio per Piz Boè, sentiero attrezzato facile. Percorso si allunga di un’ora
Rifugio Forcella Pordoi 2867 627 0,40 4,50  
Passo Pordoi 2239   1,20 6,10  

cartina traversata Gruppo del Sella

Cartina per gentile concessione Editrice Lagiralpina. Tel 0432800870.

Nota: i tempi di percorrenza indicati nelle tabelle sono del tutto indicativi e   si riferiscono ad una andatura media  (circa 300 - 350 metri di dislivello per ogni ora di salita, circa 500 m.  in discesa, circa 3 Km ogni ora  in pianura), non comprendono le soste e sono  relativi a condizioni  del terreno e meteorologiche  normali. Alcune quote indicate  generalmente contraddistinte da  (*), sono approssimative.

Dati generali:

Grado di difficoltà dei sentieri:  EE nella discesa dalla Forcella del Sassolungo verso  nord ovest, E negli altri tratti.

Segnaletica: buona

Località di Partenza:  Passo Gardena

Punto di partenza:  il medesimo.

Punto di arrivo:  Passo Pordoi, m.2242

quota massima: m. 2684, Forcella del Sassolungo

Dislivello in salita: m. 1103 , incluse le risalite.  Dislivello discesa:  m.970

Lunghezza percorso: Km 10,8 circa.

Tempi di Percorrenza: ore    6  - 6,30  escluse le pause.   

Punti di appoggio intermedi: Rifugio Cavazza (Utia Pisciadu), Rifugio Boe (Bamberger Huette), Rifugio Forcella Pordoi

Numeri di Segnavia: 666.

Periodo consigliato:  inizio luglio – fine  settembre.

Vie per il rientro anticipato a valle:  non presenti

Indicazioni particolari:  sentiero alquanto frequentato nel tratto Rif. Boè – Rifugio Forcella Pordoi

Cartografia: Editrice la Giralpina, Foglio n.11 “Groeden Seiseralm” scala 1/25000.

Informazioni turistiche: Azienda per il Turismo Valle di Fassa, tel. 0462 609500

Trasporti pubblici: Trentino Trasporti, tel.0461821000