Skip to main content

Home / TRENTINO / Val Rendena / Lago di Lares

Ultimo aggiornamento: 23/04/2010

Lago di Lares

Nel Gruppo dell'Adamello

Lago di Lares

La via di accesso per il Lago di Lares è la Val di Genova. Si procede con la vettura o con la navette sino a Malga Genova. La Val di Lares è una valle  laterale che si distende sopra un dosso roccioso in direzione sud rispetto alla Val di Genova. Il rio Lares forma delle bellissime cascate che sono visibili con una passeggiata di pochi minuti partendo dalla Val Genova. Il Lago di Lares si trova a oltre 2.600 metri d'altitudine: è circondato a nord dal Crozzon del Diavolo, ad ovest dal Crozzon e dalla vedretta di Lares, dal Corno di Cavento, dal Monte Folletto. Più a sud si erge il Carè Alto.

Passato il ponte sul  fiume Sarca si imbocca il sentiero 214 che si inerpica per una ripida valle dove il Rio Lares forma delle belle cascate ben visibili dal sentiero e il cui frastuono ci accompagna per tutta la prima parte della salita. Dopo poco meno di 2 ore si perviene a Malga Lares, m.1895. Qui l'orizzonte si allarga e la vista sui monti della Val di Genova si fa sempre più ampia.

A fianco della Malga una fresca fonte offre dell' acqua purissima. Ora si riprende il cammino dirigendosi  verso sud nell'alta Val Lares fino all' omonimo Baito. Qui si prosegue verso sud lungo l'alveo del rio Lares, il sentiero purtroppo non sempre è ben visibile tra i massi e i mughi, si piega poi decisamente verso ovest e si inizia a  salire sino all'ex rifugio Lares (m.2085). Lasciati alle spalle gli ultimi maestosi larici (Lares in dialetto Trentino) si cammina per circa un'ora e mezza, dapprima su pascoli e terreno detritico in seguito, per giungere infine in un ambiente grandioso sulle sponde nord orientali del lago. La vista sui giganti dell'Adamello, ammantati dalle loro nevi perenni, ripaga della fatica per la lunga ascesa.

Itinerari e traversate

Itinerario di accesso: dalla Val di Genova, nei pressi di Malga Genova, s.214, ore  5.
Rifugi e Bivacchi nella zona: non ci sono rifugi.

   La vicinanza delle vedretta di Lares impone traversate su percorsi in ghiaccio e neve. dal lago si può raggiungere il Rifugio Carè Alto passando per la Sella dei Pozzoni e scendendo al Passo Altar.
  Andando verso nord ovest,  si può raggiungere il Rifugio Ai Caduti dell'Adamello alla Lobbia Alta, passando dalla Sella di Niscli e attraversando la Vedretta di Lares sino al Passo di Cavento dove sorge il bivacco Laeng. Seguendo ora l'itinerario glaciologico V.Marchetti si attraversa verso nord nord ovest il pianoro della  vedretta di Fumo sino al Passo Val di Fumo  e poi la vedretta della Lobbia sino al Rifugio.