Skip to main content

Home / TRENTINO / Trentino - esperienze vive / Via Ferrata Giovanni Lipella alla Tofana di Rozes

Ultimo aggiornamento: 07/11/2011

Via Ferrata Giovanni Lipella alla Tofana di Rozes

Impegnativa via ferrata che risale la parete ovest della Tofana passando per la mitica Galleria del Castelletto.

La Via ferrata Giovanni Lipella   prende il via alla famosa Galleria del Castelletto   allo spigolo sud ovest della Tofana di Rozes, ad una quota di circa 2480.  Molto emozionante la salita per la stretta galleria scavata dagli alpini  per portare le tonnellate di esplosivo necessarie per  far saltare la Cima del Castelletto  presidiata dai Kaiserjaeger  austriaci.  Superata la galleria in  circa 15 minuti si arriva alla Forcella di Rozes dove  per salti di roccia e cengie  si procede  in direzione nord sopra la

Val travenanzes, di fronte a noi fanno bella mostra  delle loro guglie le  Cime di Fanis.  Arrivati ad una parete dove si nota la scura targa della Ferrata Lipella si inizia a salire più decisamente superando  un primo balzo roccioso  dopo il quale per camminamenti  cengie  e camini inclinati si continua verso nord.  Dopo circa 2 ore dalla galleria si arriva a Punta 3 Dita dove un sentiero che  taglia trasversalmente la parete nord va a portarsi sulla via normale e da li al sottostante Rifugio Giussani. La ferrata invece proseguepiegando decisamente verso  sud dove dopo un primo traverso su cenge  inizia la salita in diagonale di una parete non  proprio verticale ma assai lunga   ripida e con costante esposizione. Questo è il tratto più impegnativo della ferrata, superato il quale  si arriva ad una vasta sella dove hanno termine le attrezzature e dalla quale si vede la bellissima cima.  Il percorso ora è tutto in vista e senza problemi se non per la possibile presenza di neve ghiacciata.  Indimenticabile il panorama dalla cima: dal Cristallo alle altre cime delle Tofane, Al Sorapiss,  Croda da lago, Pelmo, Antelao, Marmolada, Sella, solo per citarne alcuni.

Percorso stradale:  per accedere al rifugio Dibona bisogna percorrere la statale  48 tra il Passo Falzarego e Pocol, a poichi chilometri da Cortina di Ampezzo. Poco distante dalla Cantoniera di Vervel, circa 300 metri ad ovest, in direzione nord  si imbocca una stradina che  salendo le boscose pendici delle Tofane, dopo qualche chilometro, l’ultimo pezzo non asfaltato, porta al Rifugio Dibona.

Avvicinamento: dal Rifugio Dibona si imbocca il sentiero 404  che in direzione ovest sale  progressivamente per ghiaioni sino alla Galleria del Castelletto nei pressi della quale iniziano le attrzzature. (Necessaria la torcia elettrica)

Ritorno: il ritorno avviene per la via normale che scende il versante est della cima e passa vicino al Rifugio Giussani. Da qui con il sentiero  403 si arriva al Rifugio Dibona scendendo per il Vallon de la Tofana.

Tabella tempi parziali di percorrenza e andamento altimetrico Rifugio Dibona – Tofana di Rozes

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo complessivo Note,  difficoltà, riferimenti
Rifugio  Dibona, 0436860294 2083 404     Auto da Cant Vervel,
Bivio Valon de la Tofana 2120 404 0,15 0,15  
Via Ferrata Lipella  attacco 2480   1,00 1,15  
galleria         lampada
Forcella di Rozes 2630   O,20 1,35  
Targa Via ferrata Lipella     0,30 2,05  
Bivio Tre Dita 2694   1,30 3,35 Poss rientro r.Giussani 30 m, Inizio tratto + difficile
Termine ferrata 3027   1,10 4,15 Poss Rientro  via normale
Tofana di Rozes 3225   0,40 4,55 Rientro per Via normale
Ex rifugio Cantore 2542 403 1,30 6,25  
Rifugio di Bona 2083   1,05 7,30  

 

 

Dati generali:

Grado di difficoltà: ferrata di medio alta difficoltà, forte esposizione

Località di Partenza: Rifugio di Bona, tel.0436860294

Punto di partenza: Rifugio di Bona

Punto di arrivo: Tofana di Rozes

 quota massima: m.3225

Dislivello in salita: 1150 circa. Solo via ferrata: 550 metri

Tempi di Percorrenza: ore 7,30 andata e ritorno

Punti di appoggio intermedi: Rifugio Giussani al ritorno.

Numeri di Segnavia: 404, ferrata Lipella, via Normale Rozes e s. 403 dal Rifugio Giussani.

Vie consigliate per il rientro anticipato alla base: in prossimità di Punta tre Dita a quota 2694, c’è un sentiero segnato che consente il rientro all’ex rifugio Cantore e di qui al Giussani o direttamente al Rifugio Di Bona.

periodo consigliato: luglio – fine settembre

Principali  cime attraversate: Tofana di Rozes

indicazioni particolari: per superare la Galleria del Castelletto è necessario disporre di torcia elettrica

Cartografia: Tabacco foglio  03