Skip to main content

Home / TRENTINO / Trentino - esperienze vive / Via Ferrata Aldo Roghel – Dolomiti di Sesto

Ultimo aggiornamento: 05/11/2011

Via Ferrata Aldo Roghel – Dolomiti di Sesto

Tra i Campanili di Stallata e di Popera

Via ferrata Aldo Roghel part. 1

La  via ferrata Aldo Roghel  si sviluppa sul versante occidentale del Vallon di Popera, territorio veneto, e  sale una parete tra i Campanili di Popera e  di Stallata.  Le attrzzature consistono in corde metalliche fisse  e in staffe di ferro infisse nella roccia.  Il tracciato si snoda tra camini e colatoi con diversi salti di roccia. Le difficoltà della Roghel  non sono da sottovalutare: alcuni tratti sono verticali anche se gli appigli sono buoni e sufficientemente ravvicinati tra loro. La parte più difficile consiste nel

via ferrata Roghel, parete viscida

via ferrata Roghel, salita per canalini

superamento di una parete  assai liscia e  spesso bagnata che presenta per fortuna  alcune staffe metalliche che  costituiscono ottimi appoggi.  Il dislivello in salita è di circa 240 metri.  Il versante occidentale  che per colorro che provengono dal Rifugio Berti  si percorre in discesa presenta una roccia abbastanza inclinata con una robusta fune metallica, qui gli appigli e gli appoggi sono abbondanti, l’esposizione è contenuta e si arriva

via ferrata Roghel,part 2

alla base del ghiaione  senza eccessive difficoltà.  Questa ferrata è davvero emozionante sia per i panorami  bellissimi  sulle contrafforti orientali delle Dolomiti di Sesto sia sulla Valle di Comelico.

Il punto più problematico è rappresentato dalla logistica di avvicinamento stradale per coloro che voglioni effettuare il percorso in una sola giornata: essa presuppone l’utilizzo di due autovetture o il ricorso  ad un taxi ( distanza   Rifugio Lunelli e Giralba di Auronzo di cadore circa 37 Km) oppure al ritorno per la via dell’andata limitando la percorrenza  alla Forcella dei Campanili.

Molto sovente  invece si preferisce abbinare la Ferrata Aldo Roghel con la vicina Ferrata Cengia Gabriella raggiungendo così il Rifugio Carducci (tempo complessivo  dal Rifugio Lunelli  ore 8 almeno).  Il

via ferrata Roghel, discesa in Val Stallata

giorno seguente si può ritornare alla base di partenza varcando dapprima  la  forcella Giralba e poi imboccare la  mitica Strada degli Alpini  per raggiungere il Rifugio Berti e successivamente il Rifugio Lunelli. Tutto il percorso  del secondo giorno  ha una durata di almeno 6 ore.

via ferrata Roghel parete ovest e Campanili

Percorso stradale: Destinazione parcheggio presso Rifugio Lunelli alla Selvapiana. Dall’uscita autostradale di Bressanone imboccare la strada della Val Pusteria sino a San Candido, ove si devia per Sesto e Passo di Croce Comelico.  A Bagni di Valgrande si gira a destra per la Val Risena sino al termine della strada presso il Rifugio Lunelli alla Selvapiana, m.1568. Circa 87 Km.  Dall’autostrada A 27 uscita  a Pian di Vedoia Cadore si prosegue per Santo Stefano di Cadore Comelico e Bagni di Valgrande. Circa 80 Km. Da Cortina – Passo Tre Croci – Auronzo – Passo Sant’Antonio - Padola – Valgrande circa 67 km.

Avvicinamento:  Dal Rifugio Lunelli in circa un’ora si arriva al Rifugio Berti al vallon Popera, m.1950. Di qui si attraversa  il Vallon Popera in direzione sud  con il sentiero 109. Superati ghiaioni e detriti il sentiero inizia a salire in forte pendenza sino alla base della parete est dei campanili di Stallata, quota  2320 circa.

via ferrata Roghel, presso la Forcella di Stallata

Ritorno: a) dalla Forcella di Stallata o dei Campanili si percorre a ritroso la ferrata e si ritorna al Rifugio Berti e Lunelli, in totale ore  3 circa. B) si  raggiunge il Bivacco Battaglione di Cadore e da qui con percorso accidentato e attrezzato in parte si  scende   dapprima per la Val Stallata  e poi per la Val Giralba  Bassa sempre su sentiero 109 arrivando alfin, dopo circa 2 ore e mezzo  dal bivacco nei pressi della statale 48 ad est della  frazione Giralba  di Auronzo di Cadore. In tal caso bisogna prevedere l’utilizzo di 2 autovetture oppure di  ricorrere ad mezzi  di trasporto privati (il servizio pubblico non arriva al Rifugio Lunelli,  distanza   Rifugio Lunelli e Giralba di Auronzo di cadore circa 37 Km). Dalla   C) si prosegue per la Ferrata Cengia Gabriella  e pernottando al Rifugio Carducci. D) solo per escursionisti assai allenati. Si percorre la Ferrata Cengia Gabriella e senza far sosta al Carducci  si scende per  la Val Giralba Alta e Bassa con il sentiero 110 arrivando nei pressi della statale 48 ad est della Frazione Giralba di Auronzo.  Tempo percorrenza dal Rifugio Lunelli:  almeno  10 ore. Recuper autovettura al Rifugio Lunelli: vedi punto” B”.

Tabella tempi parziali di percorrenza e andamento altimetrico Rifugio Lunelli  Bivacco Battaglion Cadore – Statale 48 tra  Giralba ed Auronzo.

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo compless Note,  difficoltà, riferimenti
Rifugio Lunelli  alla Selvapiana 1568 101      
Rifugio Berti al Vallon Popera 1950 109 1,00    
Base Ferrata Aldo Roghel 2320   1,10 2,10  
Forcella di Stallata o dei Campanili 2565   1,20 3,30 Per uno dei 2 tronchi della ferrata
Base ovest ferrata Roghel     0,40    
Bivacco Battaglion Cadore 1950   0,30 4,40  
           
Parcheggio Pian della Velma nei pressi di  ss. 48 980   2,30* 7,10 Tempo indicativo. Necessità recupero autovettura a  Rifugio Lunelli

Dati generali:

Grado di difficoltà:  medio - difficile

Località di Partenza:  Bagni di Valgrande

Punto di partenza: Rifugio Lunelli, m.1568

Punto di arrivo: Forcella dei Campanili o di Stallata

 quota massima: m.2565

Dislivello in salita: m.1000

Tempi di Percorrenza:  semi anello dal Rifugio Lunelli a Giralba di Auronzo ore 7 – 7,30. Abbinamento ferrate Roghel e Cengia Gabriella con sosta al rifugio Carducci ore  8. Abbinamento ferrate Roghel e Cengia Gabriella senza  sosta al rifugio Carducci e discesa a Giralba di Auronzo con sentiero 103 ore  10. Ritorno direttamente per la stessa via dalla Forcella di Stallata ore 6,30 / 7

Punti di appoggio intermedi: Rifugio Berti

Numeri di Segnavia: 109

periodo consigliato: estate – primo autunno

Principali  cime attraversate: Campanili di Stallata e di Popera

Cartografia 1/25000: Kompass  625, Tabacco foglio 017.




Visualizza Strada degli alpini di Sesto in una mappa di dimensioni