Skip to main content

Home / TRENTINO / Altopiano Paganella / Monte Paganella - Gazza / Anello sul crinale da Cima Paganella a Passo San Giovanni.

Ultimo aggiornamento: 28/11/2011

Anello sul crinale da Cima Paganella a Passo San Giovanni.

Facile rilassante escursione sulla dorsale della Paganella Gazza

La Valle dei laghi e Cima Canfedin

Semplice magnifico itinerario lungo la dorsale della Paganella. Offre panorami meravigliosi sull’antistante Gruppo di Brenta, sulle Maddalene e la valle di Non, sul Lago di Garda e la Valle dei Laghi, sulle Tre Cime dl Bondone, sulla Piana Rotaliana e la Val d’Adige.

Questo bellissimo itinerario  ha come base di partenza Andalo e più precisamente la stazione a valle dell’impianto Andalo – Dos Pelà.  Il percorso si svolge tutto

Panorama sul Gruppo di brenta da Paganella

sull’ampia e prativa  dorsale  del Monte Paganella Gazza, sviluppandosi dapprima sul versante meridionale  a ridosso della Val dei Laghi, spostandosi poi  sulla cresta in prossimità del Dos Negher e continuando tra  dolci pascoli sino a Cima Canfedin, m.2050, ottimo punto panoramico.  Qui inizia la discesa  verso Passo San Giacomo, m.1914,  e  successivamente verso la Bocca e il Passo di San Giovanni, da dove inizia la discesa tra bellissimi boschi sino ad Andalo o Molveno a seconda della via che si prende.

Tre Cime Bondone e Valle dei Laghi

Con la Cabinovia in stagione, da metà giugno a metà settembre o nella stagione invernale per chi vuole fare questo percorso con le racchette da neve, si raggiunge dapprima la stazione intermedia e poi la cima  della Paganella, m.2125, con una seggiovia la cui stazione di partenza si trova  circa  150 metri a sinistra. Arrivati in cima  ci si dirige, scendendo una tampa sassosa, verso l’ex rifugio Battisti, riconscibile dalla presenza di numerose (purtroppo paesaggisticamente orribili) antenne.   Al rifugio si prende il

Da Passo S.Antonio a Dos Neger

sentiero 602 che attraversa per il lungo  tutta la dorsale del Monte Paganella-Gazza- Ranzo in direzione nord-est sud. Dall’ex rifugio  inizia il percorso  a tratti  tortuoso e ripido tra  mughi e pietraie calando tra le pendici meridionali della Paganella con una vista bellissima sui Laghi di Terlago e Lamar. Spostandosi verso sud sud ovest  il sentiero  si riporta sulla dorsale nei pressi di Passo S.Antonio (questo punto è anche raggiungibile per  una carrabile  lungo le piste da sci  in meno di mezz’ora dalla stazione intermedia degli impianti).

Il sentiero 602  segue con andamento sinuoso il fianco meridionale della montagna costellato di mughi e rododendri, supera alcuni passaggi  esposti, ma in tutta

Doss Pelà, Paganella

sicurezza, data la sua larghezza. Sempre tra mughi e prati  si inizia a risalire con maggiore decisione  portandosi dapprima ad una ampia sella alla  base del Doss Negro, carattetistica altura riconoscibile  da grandi pietre a  forma di dischi  formanti muna bastionata sulla sua sommità. Qui il paesaggio si fa veramente affascinante: si apre  ina prospettiva mozzafiato passando dalla  Val di Non  alla Catena Orientale del Brenta (Gruppo della Campa) alla Catena Centrale formata dalle Cime del Grostè e dagli Sfulmini, con Cima Brenta, Campanil Basso e Cma Tosa.  A sinistra del Brenta le Valli Giudicarie con  i Monti Misone, Casale e Catena della Gavardina. Inconfondibile sullo sfondo il Lago di Garda, a chiudere l’orizzonte il Gruppo Bondone Stivo dietro,mil quale in lontananza sono ben visibili i Monti Lessini  le Piccole Dolomiti, Il Pasubio Carega.

Dopo aver fatto il pieno di panorami si prosegue  dapprima in discesa e poi in falsopiano spostandosi verso  ovest: alcuni baiti di pastori segnano l’avvicinarsi della piatta

Malga Terlago

Cima Canfedin: deviando dal sentiero sulla sinistra, sud est,  si raggiunge  in pchi minuti la Croce di vetta, seminascosta dai mughi.

L’itinerario ora prosegue su carrareccia tutto in dolce discesa tra prati ondulati e baite di montagna, alcune delle quali recuperate a belle abitazioni: in breve si raggiunge

Cima Canfedin

Passo san Giacomo, m.1914 dal quale, con il sentiero 610 è possibile fare ritorno alla stazione intermedia  degli impianti di risalita in circa  un’ora e un quarto.  L’itinerario prosegue invece in direzione sud sud-ovest seguendo una sassosa  strada bianca  che  con alcuni tornanti  discende le pendici ricoperte di fitti mughi sino a raggiungere la Malga di Covelo nei cui pressi una folta colonia di marmotte saluterà con i caratteristici fischi, il vostro passaggio. Superata la Malga di Covelo (sorgente) è vivamente consigliabile raggiungere, con una breve deviazione di 10 minuti, il Rifugio Ristoro Bait del Germano , in magnifica posizione sopra la Bocca di San Giovanni.

Dopo una opportuna sosta  si presenta un’alternativa per il ritorno: chi fosse stanco e volesse evitare una discesa di almeno due ore e mezzo sino ad Andalo, può optare per la percorrenza di una strada  forestale che  senza grossi saliscendi in circa un’ora e mezzo  riporta alla stazione intermedia degli Impianti. (Doss Pelà).  Per iniziare la  discesa Verso Andalo o (Molveno)   è necessario portarsi con il sentiero 602 al passo di San Giovanni, dal quale  tre sentieri portano a valle, tutti attraversano  magnifiche foreste di abeti e faggi.

Il sentiero 644  porta a Molveno con un percorso  abbastanza comodo, con  pendenza  mai sostenuta, presenta una lunghezza maggiore. Il sentiero 612 porta a Molveno con una discesa  abbastanza

Sorgente del Pressan

ripida, mai pericolosa, è la via più veloce per raggiungere il fondovalle. Da Molveno in stagione un servizio di autobus con buona frequenza porta ad Andalo, diversamente un bel sentiero di circa 5 Km  costeggia il torrente Lambin   e consente di portarsi ad Andalo in poco più di un’ora.  L’itinerario proposto invece prevede la percorrenza del lungo ma comodo sentiero 643 che taglia in diagonale il versante nord della Paganella: tra boschi di larici, faggi, abeti, noccioli offre squarci bellissimi sul Lago di Molveno e sulle Dolomiti di Brenta.

Percorso stradale:  Andalo si raggiunge  dall’autostrada del Brennero, uscita di San Michele all’Adige.  Di qui in circa 22 Km con la SP 64 o la SS 421, dopo aver superato l’abitato di Mezzolombardo.

luogo quota sentiero Tempo parziale Tempo totale Note,  difficoltà, riferimenti
Andalo, stazione a Valle Paganella 2001 1020   - -  
Cima Paganella 2125   - - Salita con impianto
Ex Rifugio Battisti 2100 602 0,10    
Passo Sant Antonio 1893   0,40 0,50  
Pr. Cima Canfedin 2046   O,40 1,30  
Passo San Giacomo, b. 610 1914   0,15 1,45 Con s.610  in circa 75 minuti a staz, intermedia impianti
Malga Covelo 1781   0,30 2,15 da qui possibile deviazione  in 10 min.  per Rif. Baait del Germano
Passo di San Giovanni, bivio 612, 643, 644 1667 643 0,20 2,35  
Ex Malga Ciago 1576   0,20 2,55  
Strada Forestale ex Malga Gaggia, bivio 605 1340   0,35 3,30 605 per Molveno, strada forestale a sin per Molveno
Sorgente Acqua delle Scudele 1396   0,20 3,50  
Prati di Gaggia,  ristoro 1336   0,20 4,10  
Laghet, stazione a valle impianto Gaggia 1025   0,35 4,45  
Andalo, stazione a Valle Paganella 2001 1020   0,10 4,55  

Nota: i tempi di percorrenza indicati nelle tabelle si riferiscono ad una andatura media  (circa 300 - 350 metri di dislivello per ogni ora di salita, circa 500 m.  in discesa, circa 3 Km ogni ora  in pianura), non comprendono le soste e sono  relativi a condizioni  del terreno e meteorologiche  normali. Alcune quote indicate  generalmente contraddistinte da  (*), sono approssimative.

Dati generali:

Grado di difficoltà dei sentieri:  facile (E)

Località di Partenza:  Andalo, stazione a Valle impianti Paganella 2001

Punto di partenza:  Cima Paganella, stazione a monte impianti.

Punto di arrivo:  Andalo, stazione a Valle impianti Paganella 2001

 quota massima: m. 2125, Cima Paganella

Dislivello in salita: m. 180 circa.  (1280 senza uso degli impianti)

Tempi di Percorrenza: ore 5 (ore 8 e mezzo senza utilizzo impianti risalita)

Punti di appoggio intermedi: Bait del Germano

Numeri di Segnavia: 602, 643..

 Periodo consigliato: maggio –  fine ottobre (impianti in funzione da metà giugno a metà settembre)

Principali  cime attraversate: Paganella, Doss Negro, Canfedin.

indicazioni particolari:

Cartografia 1/25000: Editrice La Giralpina, nr.13. Kompass 1/35000  nr 649.

Attrezzatura, equipaggiamento: normale da media montagna

Informazioni turistiche: Azienda per il Turismo Dolomiti di Brenta Paganella tel 0461585836,0461586924.

Servizio Trasporto Pubblico:  Trentino Trasporti