Skip to main content

Home / SCIALPINISMO / Scialpinismo a Cima Vegaia, Val di Sole, Trentino

Ultimo aggiornamento: 23/12/2013

Scialpinismo a Cima Vegaia, Val di Sole, Trentino

Itinerario  scialpinistico  o con racchette da neve   di medio-bassa  difficoltà, dislivello e sviluppo di un certo rilievo.  E’ una escursione invernale che presenta  delle moderate e regolari  pendenze ad eccezione del tratto finale abbastanza ripido  e soggetto a rischio slavine. A Parte il lungo tratto nella forestale  non vi sono vie obbligate di salita  e a seconda delle condizioni della neve si può salire per il lungo e abbastanza ripido costolone sud  (tracciato   più sicuro se pericolo slavine) oppure spostandosi un po’ più ad ovest risalire delle vallette sino a raggiungere la dorsale ovest.   

Le immagini allegate si riferiscono ad una salita  di primo inverno a piedi con un manto nevoso  quasi inesistente.

Cima Vegaia da Baito Pozze

Itinerario:  dal parcheggio sopra Ortise, a piedi o con la vettura, a seconda delle condizioni della strada,  si prosegue verso nord est sino ad incontrare a quota 1750 circa un secondo parcheggio in prossimità del bivio tra la strada per Malga Stabli e la forestale per Malga Pozze. Si prosegue diritti verso Malga Pozze seguendo una piana forestale che dopo cinque tornanti porta, in campo aperto, ad una piccola costruzione in Legno, Baito Pozze, m.2100 circa.  Da qui la nostra cima è ben visibile sulla sinistra, nord ovest. Da qui  in avanti si procede in libera traccia  secondo le condizioni di innevamento: il percorso forse più sicuro dal punto di vista delle slavine è quello di salire lungo il diritto regolare e abbastanza ripido costolone di sud est (rispetto alla traccia su mappa questo percorso si trova leggermente più ad est, circa un centinaio di metri). Per imboccarlo, dopo il Baito pozze, si prosegue in direzione ovest per la forestale sino ad un cartello in prossimità di un tornante. Qui si taglia per i pascoli a destra, nord, e si avanza sinoa raggiungere  una comoda sella a quota 2813,  trecento  metri ad ovest della croce di vetta, per raggiungere la quale con gli sci si cala verso sud pochissimi metri e con un diagonale  ci si porta alla base della ripida paretina finale. Tolti gli sci, in pochi minuti si arriva ai piedidella bella croce della Vegaia.

Discesa:  Vale il discorso  fatto per la salita. Diverse sono le possibilità, più o meno ripid,e  e la scelta dipenderà essenzialmente dalle  candizioni del manto nevoso e  dalle capacità di ciascuno. 

Percorso Stradale:  Da San Michele All’Adige, uscita autostradale, si imbpocca la statale per Mezzolombardo e la Valle di Non sino alla Rocchetta. Da qui si segue per Cles Passo Tonale sino a  poco dopo Mezzana dove si imbocca il bivio per Ortisè. Qui si procede sino al parcheggio superiore e se la condizione della strada per Malga Stabli, recentemente asfaltata,  lo consente,  si arriva sino ad un incrocio con la  forestale  per Malga Pozze, nei pressi del  quale c’è un comodo parcheggio.   Circa 58 Km sino a Ortisè, 61 Km sino al parcheggio presso il bivio tra Malga Stabli e Malga Pozze  se la strada è percorribile. Vedi Mappa.

sulle prime ondulate balze per la Vegaia

veduta sul Brenta e il Gruppo Presena

verso la sella ovest della Vegaia a quota 2813

Ultimi 70 metri per Cima Vegaia

La cresta di Cima Pozze e Cima Bassetta

Veduta su Gruppo Cevedale Vioz Palon de la Mare

Val Cercen e Monte Sole

Dati  salienti itinerario:

Destinazione: Cima Vegaia  
Valle principale: Val di Sole
Gruppo Montuoso: Gruppo Vegaia Tremenesca
Paese di partenza: Ortisè
località di parcheggio: Parcheggio superiore di Ortisè o bivio tra strada per Malga Stabli e Malga Pozze.
condizioni viabilità accesso: buone, ma strada  stretta 
condizioni di parcheggio: limitate
quota partenza: 1515 oppure 1700 metri.
quota arrivo: 2890 m.
dislivello salita: 1375 o 1200  metri.
dislivello discesa: idem.
quota massima: m.2890
esposizione prevalente: sud, sud est nella parte finale, ovest  parte iniziale
   
Lunghezza percorso andata e ritorno: Km 13,8
   
tempo medio di salita: 4 – 5 ore (a seconda del punto di partenza
difficoltà sciistiche: MS
difficoltà alpinistiche: contenute.
punti critici per slavine Rampa finale prima della sella
attrezzatura  necessaria normale attrezzatura sci alpinismo 
periodo effettuazione Dicembre – fine marzo
adatto a ciaspole ? si
varianti in discesa: -
Cartine: Tabacco, foglio 048. Val di Pejo, Val di Rabbi, Val di Sole. 1/25000.
info turistiche: Azienda per il Turismo Val di Sole. Tel 0463 901280
meteo e valanghe: Meteo Bolzano    Meteotrentino. Aineva
   
punti appoggio intermedi: -

Note: la mappa tracciata è del tutto indicativa. Saranno le condizioni del terreno e della neve a consigliare dopo le opportune valutazioni la via migliore da seguire. Si prega di segnalare imperfezioni ed errori al seguente indirizzo: info@veramontagna.it

Scala di difficoltà:
 MS: Medio sciatore, BS: buon sciatore, OS: ottimo sciatore;MSA: medio sciatore alpinista. Presuppone il superamento di pendii non troppo scoscesi e le difficoltà alpinistiche contenute
 BSA: le pendenze sono maggiori, possono arrivare ai 30°-35°su pendii a volte esposti, talvolta  può essere necessario l'uso di corda piccozza ramponi per attraversare ghiacciai, canalini o creste esposte.
 OSA: accentuazione delle pendenze sino ai 40°, 45°, difficoltà alpinistiche sostenute.

Gruppo di Brenta settentrionale

Vioz Cevedale Palon de la Mare

Croce di Vetta di Cima Vegaia

La cresta ovest di Cima Vegaia

Tramonto sul Brenta Settentrionale




Visualizza cima vegaia in una mappa di dimensioni maggiori

Meteo