Skip to main content

Home / SCIALPINISMO / Ramudelkopf, Cima Ramudla, Catena Saldura Mastaun, Val di Mazia, Alto Adige

Ultimo aggiornamento: 29/12/2014

Ramudelkopf, Cima Ramudla, Catena Saldura Mastaun, Val di Mazia, Alto Adige

Bella,  affascinante impegnativa  escursione  per sci alpinismo  alla Ramudelkopf o Cima Ramudla, m.3330,  nel gruppo montuoso Saldura Mastaun. Partenza da Maso Glieshof in Val di Mazia. Necessita di neve assolutamente assestata per le forti pendenze nell’ultima parte e per il notevole  scaricamento dai fianchi laterali considerata anche la strettezza della valle in alcuni punti.  Discesa per la Vedretta di Ramudla sul versante nord.

bivio pèer la Ramudeltal

traccia itinerario parte bassa Ramudla

superando le grosse slavine di fondo

la via di salita alla sella quota 3106

la ripida pala finale della Ramudla

La via di salita per la Ramudeltal

in cima alla Ramudelkopf

Itinerario:   dal parcheggio di Glieshof  si imbocca  in direzione sud la forestale  con segnavia 9 e destinazione Upialm. Dopo circa  500 metri si perviene alla confluenza tra la Upital e la Ramudeltal. Si gira a sinistra iniziando a risalire quest’ultima costituita dapprima da un ampio canalone con rada vegetazione e a pendenza abbastanza sostenuta. Verso quota 2300 la valle, senza piùvegetazione, diventa meno pendente e si inzia a vedere tutta la parte superiore dell’itinerario sino alla Rappenscharte. Questo tratto è soggetto ad enormi valanghe di fondo e questo percorso va intrapreso in primavera quando i ripidi versanti  meridionali della dorsale di ramudla si sono scaricati.  Verso quota 2770 si arriva ad un falsopiano  al cospetto della nostra cima a sinistra e della Rappenscharte a destra, tra le due una elevazione quotata 3161 metri. A questo punto dobbiamo deviare a sinistra, nord, abbandonando la traccia del sentiero estivo che porta alla Rappenscharte. Ci attende un ripidissimo pendio, a volte è opportuno calzare i ramponi, che ci permette di guadagnare una sella a quota 3106 posta alla base della parte sud  di Cima Ramudla.  Gli ultimi duecento metri di dislivello sono costituiti dal ripido versante sud della Ramudelkopf, spesso ricoperto da  scarsa neve per l’azione dei venti.

La lunga catena di Cima dei Corvi o Rabenkopf

panorama su Hochalt e Upiakopf a destra

da sin Upia Litznerspitze e Remsspitze

panorama su Gruppo Saldura

Weisskugel - Palla Bianca da Ramudla

Discesa: per la via di salita oppure, come di seguito descritto per  una serie di vallette e ampi canaloni a nord est della Untere Ramudelkopf. A pochi metri dalla cima, in prossimità di una sella in direzione nord, invece che dirigersi verso la Vedretta di Ramudla, si piega decisamente ad  ovest scendendo un ripidissimo spallone. Si continua sempre su pendenze sostenute verso nord ovest  passando tra le elevazioni quotate 2964 a nord e 3103 a sud sulle cartine Kompass.  Giunti a quota 2800 di fronte alla Untere Ramudelkofp, si gira a destra nord, imboccando un ampio ripido vallone che guarda direttamente verso la parte  superiore della Matschetal. Si scendono ancora 350 metri sino ad arrivare au un piano, Saldurboden, dove si interseca la traccia che proviene   dalla  Vedretta settentrionale di Saldura e il sentiero estivo nr 4 che porta ai Laghi di Saldura. Si segue quest’ultimo imboccando sulla sua sinistra un bel canalone, solitamente innevato sino a primavera inoltrata, che in breve ci porta alla innere Matscheralm. Ayttraversato il ponte con breve contropendenza si prende la forestale che  ci porta al Glieshof. Questa discesa è veramente da annoverare tra le più belle del sudtirolo.  Sino alla Malga sono 4500 metri con una pendenza media del 29,2%. La forestale è lunga circa 2,5 km.

inizio discesa versante nord Ramudla

Alta Val Mazia e Catena Cima dei Corvi

ripidi pendii versante nord Ramudla

la prima parte della discesa da Ramudla

verso la untere Ramudelkopf

Ramudla discesa nord parte alta

circa a quota 2850

un tuffo verso l'alta Val di Mazia

Percorso Stradale:  da Bolzano sud, uscita autostradale, si imbocca la  superstrada per Merano e si procede per la Val Venosta sino a Tarces, dove si gira a destra per la Val di Mazia sino a Mazia dove si prosegue   per stradina sino in fondo alla valle al parcheggio del caratteristico Maso Glieshof. Km 87 da Bolzano sud. Vedi Mappa.

 Dati  salienti itinerario:

Destinazione: Ramudelkopf  - Cima Ramudla
Valle principale: Val di Mazia
Gruppo Montuoso: Catena di Saldura Mastaun.
Paese di partenza: Mazia
località di parcheggio: Maso Glieshof.
condizioni viabilità accesso: generalmente buone, pneumatici invernali indispensabili. 
condizioni di parcheggio: Buone.
quota partenza: m.1815
quota arrivo: m.3330
dislivello salita: metri 1515 circa
dislivello discesa: come salita
quota massima: m.3330
Distanza: Km 13,25.
esposizione prevalente: salita ovest e sud, discesa nord.
tempo medio di salita: ore  4,30 – 5,15
difficoltà sciistiche: BSA.
difficoltà alpinistiche: moderate.
punti critici per slavine Necesstita di neve assestata.
attrezzatura  necessaria normale attrezzatura  da sci alpinismo + ramponi
periodo effettuazione marzo -  maggio.
adatto a ciaspole ? no.
varianti in discesa: discesa dal lato nord, sopra descritta
problemi di orientamento: -
Cartine: Kompass foglio 051, Naturno Laces Val Senales
info turistiche: Associazione Turistica Malles, 0473 831190
meteo e valanghe: Meteo Bolzano    Meteotrentino. Aineva
Trasporti Pubblici: Mobilità Alto Adige
destinazioni vicine:  Monte Upia, Cima Vedretta di Ramudla.
punti appoggio intermedi: .

Note: i percorsi e le mappe  tracciate  sono del tutto indicativi. Saranno le condizioni del terreno e della neve a consigliare dopo le opportune valutazioni la via migliore da seguire. Si prega di segnalare imperfezioni ed errori al seguente indirizzo: info@veramontagna.it

Scala di difficoltà:
 MS: Medio sciatore, BS: buon sciatore, OS: ottimo sciatore;MSA: medio sciatore alpinista. Presuppone il superamento di pendii non troppo scoscesi e le difficoltà alpinistiche contenute
 BSA: le pendenze sono maggiori, possono arrivare ai 30°-35°su pendii a volte esposti, talvolta  può essere necessario l'uso di corda piccozza ramponi per attraversare ghiacciai, canalini o creste esposte.
 OSA: accentuazione delle pendenze sino ai 40°, 45°, difficoltà alpinistiche sostenute.

ampi pendii sopra il SaldurBoden

nei pressi del bivio per il Passo Lazaun

un bel canalone fino alla innere Matscheralm