Skip to main content

Home / SCIALPINISMO / Piz Sesvenna, Alto Adige, scialpinismo e ciaspole.

Ultimo aggiornamento: 07/04/2015

Piz Sesvenna, Alto Adige, scialpinismo e ciaspole.

Lunga escursione sul ghiacciaio al confine tra Italia e Svizzera

Il  Piz Sesvenna è la cima più alta del Gruppo omonimo che fa parte delle Alpi Venoste  di Ponente. Dal parcheggio di Slingia ci si dirige verso il fondo della  valle di Schlinig  dove si snoda un pianeggiante tracciato di fondo: si segue la pista sino ad un ponte, qui sii gira a destra e si inizia a risalire per prati avendo come obiettivo la soprastante Schliniger Alm, m.1868. Si continua ora seguendo il sentiero estivo con le indicazioni per il Rifugio Sesvenna, m.2258, solitamente aperto da marzo in avanti.

 Si guadagna quota abbastanza rapidamente risalendo i ripidi fianchi erbosi che portano il nome di Rotmur. Prima del rifugio bisogna superare  con un

erta salita un salto roccioso, le condizioni della neve devono qui essere assolutamente assestate. Quando la neve è troppo ghiacciata viene piazzata una corda fissa che agevola non poco la salita e consente di procedere con maggiore sicurezza. Una pausa al rifugio è d'obbligo, anzi ancora meglio prevedere un pernottamento e partire il giorno successivo ben riposati in quanto il dislivello  da superare è  ancora di 1000 metri  + 80 della risalita  dal Passo Sesvenna.

Dal rifugio in caso di variazioni  metereologiche impreviste ci sono altre possibilità di escursioni. Dal Rifugio si inizia a risalire la valle superando vari pendii, mai eccessivamente ripidi, seguendo la direzione ovest sud-ovest.  i giunge dopo un lungo traverso in diagonale alla Forcella Sesvenna, m.2824, che si trova proprio sul confine con la Svizzera, da qui è finalmente visibile la nostra cima che si staglia tra il Piz Plazer a destra, nord e la Foratrida Spitze a sinistra, sud.

 Dirigendosi ora in direzione sud si oltrepassano  con ripido traverso  le pendici occidentali del Fernerkopf. Raggiunto il cambio di pendenza si inizia a risalire

IItinerario Sesvenna

 dapprima  con sostenuta  salita,  poi via via più moderata, la vedretta del Sesvenna. Ci si dirige alla forcella  a sinistra della cima ove si lasciano gli sci.  Si sale lungo la cresta meridionale, all'occorrenza muniti di ramponi a seconda delle condizioni del terreno. Discesa per il medesimo itinerario di salita, tenere presente la necessità di rimettere le pelli per risalire il versante sud della Forcella di Sesvenna.

Note conclusive: si tratta di una bellissima escursione da effettuarsi nei mesi primaverili  con neve assestata e con buona visibilità per i problemi di orientamento.. A parte l'ultimo tratto in cresta e il breve pezzo immediatamente sotto il rifugio,   il percorso non presenta difficoltà particolari. 

Percorso stradale: Da Bolzano ci si dirige a Merano e si percorre tutta la Val Venosta sino a Malles e Burgusio, qui si gira  a sinistra, ovets, e si prosegue sino al paese di Slingia (Schlinig), dove nei pressi della chiesa si Parcheggia

 

Dati  salienti itinerario:

Destinazione Piz Sesvenna, m.3204
Valle principale val di Slingia, Schlinigee Tal
Paese di partenza Slingia (Schlinig)
località di parcheggio Slingia, parte alta vicino chiesa
condizioni viabilità accesso normalmente percorribile
condizioni di parcheggio sufficienti
quota partenza m.1738
quota arrivo 3204
dislivello salita 1467 + 200 risalita
dislivello discesa 1467 + 200
quota massima m.3205
esposizione prevalente se sino al rifugio, nord ovest dal rifugio in avanti
tempo medio di salita 5-6 ore
difficoltà sciistiche BSA (Gionco), MSA (Nadalini)
difficoltà alpinistiche presenti nella cresta finale
punti critici per slavine traverso dalla Forcella Sesvenna  per Raggiungere la Vedretta
attrezzatura  necessaria normale attrezzatura sci alpinismo + piccozza e ramponi  per la cresta finale
periodo effettuazione fine marzo - maggio
adatto a ciaspole ? non ci sono controindicazioni
varianti in discesa esperti, con neve sicura, possono risalire la cima  per un canalone  sulla destra  e di qui ridiscendere
problemi di orientamento solo con scarsa visibilità
indicazioni bibliografiche Gionco Malusardi dallo Stelvio a San Candido;  Navarini Detassis - 45 itinerari di sci alpinismo in Alto Adige
cartine Tabacco 042 1:25000
info turistiche Associazione Turistica di Malles Sluderno e Glorenza 
meteo e valanghe Meteo Bolzano    Meteotrentino. Aineva
gallerie fotografiche kepo.it
destinazioni vicine  Fernerkopf, Punta della Vedretta
punti appoggio intermedi Rifugio Sesvenna, tel. 0473830234
rifugi  Rifugio Sesvenna, tel. 0473830234

Note: la mappa tracciata è del tutto indicativa. Saranno le condizioni del terreno e della neve a consigliare dopo le opportune valutazioni la via migliore da seguire. Si prega di segnalare imperfezioni ed errori al seguente indirizzo: info@veramontagna.it

Cresta Orientale Piz Sesvenna 1

Cresta Orientale Piz Sesvenna 2

Cresta Orientale Piz Sesvenna 3

In vetta al Piz Sesvenna




Visualizza Gruppo Sesvenna in una mappa di dimensioni maggiori