Skip to main content

Home / SCIALPINISMO / Pala di Santa o Zanggenberg, Monti Oclini

Ultimo aggiornamento: 16/12/2011

Pala di Santa o Zanggenberg, Monti Oclini

Facile escursione per racchette da neve con partenza da Passo Oclini

La Pala di Santa o Zanggenberg è una piatta cime che segna il confine tra Trentino e Alto Adige e si eleva dal Passo di Lavazè in direzione est sino al Passo di

Pampeago. Assieme al Corno Nero e al Corno Bianco  fa parte del Gruppo degli Oclini, rispetto ai  quali però è isolata. Dalla cima si gode di un magnifico panorama in particolar modo sulle prospicienti vette del Latemar.

Dopo aver parcheggiato al Passo di Lavazè si procede per circa 200 metri in direzione Bolzano  sino a che non si incontra in prossimità del Cartello stradale con indicazione Passo Lavazè una forestale che passa tra due  basse costruzioni  e ben presto si immette nel bosco. Si segue il sentiero estivo nr 9, con Indicazione Passo di Pampeago. Ben presto la forestale finisce e il

sentiero con andamento  irregolare  ma sempre abbastanza comodo segue in direzione est le pendici settentrionali della Pala di Santa. Dopo  circa un'ora e un quarto  si giunge, ignorando  faticose scorciatoie o tracce  sulla destra in salita,  con un ultimo ripido pendio al Passo di Pampeago.

Qui la vista si apre  sul bel complesso sciistico e i monti circostanti. Si procede sulla destra per circa 100 metri sino a incontrare la pista da sci che scende dalla Pala di Santa.  Le possibilità ora sono due: o risalire  subito il ripido pendio della pista, oppure procedere sino ad incontrare il tracciato di una carrareccia che si inerpica nel bosco  per poi confluire più in alto nel tracciato sciistico. In ogni caso con il diradarsi nel bosco l'orientamento è assai

semplice: si continua a risalire il pendio ai bordi della pista, sulla destra. fino a superare la stazione a monte della seggiovia. Da qui in poco più di  20 minuti  si è in vetta. Panorama veramente notevole su Latemar, Monti Sarentini, Lagorai.

Discesa: per l'itinerario di salita. Il tratto nel bosco è in falsopiano e non è  molto indicato per lo sci alpinismo.

Percorso stradale: Passo Oclini si raggiunge  da Egna per la  Val di Fiemme girando a sinistra dopo Fontane Fredde per Redagno, circa 29 Km.

Note conclusive: Si tratta di una escursione assai semplice con un lungo tratto di percorrenza  in falsopiano nel bosco. Per questo è forse più adatta all'utilizzo delle racchette da neve che agli sci. L'esposizione è a nord e ad una quota abbastanza elevata e quindi non ci sono problemi di innevamento. Dal Passo di Pampeago in avanti il percorso segue dapprima una forestale e poi si snoda parallelo ad una pista da sci, questo  può essere  un motivo per chi vuol godere della tranquillità,  per intraprendere questa gita ad inizio inverno quando gli impianti non sono ancora aperti. Il percorso è generalmente sicuro specialmente se le piste sono battute. 

Dati  salienti itinerario:

Destinazione Cima Pala di Santa, Zanggenberg, m.2488
Valle principale Passo Lavazè
Paese di partenza Egna Tesero Passo Lavazè.  In alternativa  Bolzano, Cornedo All'Isarco, Val d'Ega per ss.241
località di parcheggio Passo Lavazè
condizioni viabilità accesso normalmente percorribile 
condizioni di parcheggio buone
quota partenza m.1820
quota arrivo 2488
dislivello salita 750 circa
dislivello discesa 750
quota massima m.2488
esposizione prevalente nord, est
tempo medio di salita 4 ore
difficoltà sciistiche  MS 
difficoltà alpinistiche assenti
punti critici per slavine è considerato relativamente sicuro
attrezzatura  necessaria normale attrezzatura sci alpinismo  e ciaspole
periodo effettuazione dicembre - aprile
adatto a ciaspole ? si
varianti in discesa Il percorso di ritorno prevede un lungo tratto in contropendenza e necessità di ripellare
problemi di orientamento non particolari
cartine La Giralpina, foglio nr 9, Tabacco foglio 14, Kompass n.629
info turistiche Associazione Turistica di Tires, Associazione Turistica Nova Levante Carezza
meteo e valanghe Meteo Bolzano    Meteotrentino. Aineva
gallerie fotografiche  
destinazioni vicine  Corno Bianco, Corno Nero

Note: la mappa tracciata è del tutto indicativa. Saranno le condizioni del terreno e della neve a consigliare dopo le opportune valutazioni la via migliore da seguire. Si prega di segnalare imperfezioni ed errori al seguente indirizzo: info@veramontagna.it




Visualizza Latemar Oclini Catinaccio in una mappa di dimensioni maggiori