Skip to main content

Home / ALTO ADIGE / AMBITI TURISTICI / Val Venosta / In Val Mazia, Val Planol e Val Silandro

Ultimo aggiornamento: 18/01/2014

In Val Mazia, Val Planol e Val Silandro

Elenco percorsi con esposizione, difficoltà, dislivello e luogo di partenza

monti tra le Valli di Planol e Mazia

Le escursioni i che seguono sono state selezionate tra quelle presenti sul web e nella pubblicistica specializzata. Per ognuna di esse vengono riportati i dati essenziali quali quota di arrivo e partenza, dislivello, esposizione.  Maggiori dettagli possono essere trovati nelle apposite schede e/o nelle referenze in esse contenute.  Come cartografia si consiglia Kompass, foglio 051, scala 25000. Per le condizioni meteo e la situazione valanghe si può fare riferimento a Meteo Bolzano o a Meteotrentino. Per avere informazioni turistiche  rivolgersi  alla Associazione Turistica di Malles Sluderno e Glorenza

Le valli di Mazia (Matsche Tal) Planol (Planenltal) e Silandro (Schlanders Tal) sono tre valli  laterali della val venosta che si immettono nel cuore delle Alpi Venoste di levante, Oetztaler Alpen. Esse si diramano rispettivamente da Sluderno, da Malles e da Silandro. Offrono paesaggi incantevoli e si fondano principalmente su di un'economia agricola di alta montagna, le strutture turistiche sono assai limitate in numero. Nella Val di Mazia il punto di partenza per le escursioni nella punta di Saldura e all'Upikopf è l'Albergo Glieshof che si trova a 1810 metri di quota. Più in alto come valido punto di appoggio si trova il rifugio Oberettes, aperto solo d'estate, ma che dispone di un locale invernale. La val di Planol si trova a nord della Valle di Mazia e  corre parallela ad essa.

Alpi Venoste di Levante

Il piccolo paese di Planol, Planeil, m.1599, è base di partenza per le escursioni nella valle e per gli sci alpinisti si può raggiungere la vetta del rabenkopf o Cima dei Corvi. Una dorsale che corre in senso sud-ovest nord-est separa le due valli: in essa spiccano il Pizzo di Portles, la cima di Pleres e il Gawelz-Spitz. Più a nord un'altra costiera divide la Val di Planol dalla Vallelunga: in essa si elevano montagne quali il Mittereck, oPunta di Mezzo, la Zerzerkopf, il Mittlerjoch e la Falbenairspitz.  La Val di Silandro  ha uno sviluppo in direzione sud-nord: ad est è attorniata dalle imponenti cime della Catena di Mastaun, mentre a nord ovest  è divisa dalla Val Mazia dalla Costiera che congiunge il Monte delle Pecore, Schlandrauner Schafberg, alle Punta di Alliz o Litzer Spitz.

Note: Non tutti gli  itinerari sono stati testati direttamente dalla redazione  e pertanto  in questi casi non si riportano dati e valutazioni, quali difficoltà sciistiche e alpinistiche, in qualche maniera soggettivi o comunque legati alle condizioni del manto nevoso  e/o atmosferiche. Per gli itinerari ove sono presenti relazioni bibliografiche consolidate sono riportati i livelli di  difficoltà  della Scala di Blachère, vedi sotto. Particolare attenzione deve essere posta al pericolo valanghe consultando i  relativi bollettini. Anche le previsioni meteo  devono essere verificate per evitare di trovarsi in improvvise tormente e bufere che potrebbero rendere  difficile il ritorno. Si consiglia una  particolare cura nel controllo  e verifica delle condizioni della attrezzatura. Rampant e ramponi, pala e Arva, cartina, bussola e altimetro dovrebbero essere sempre nello zaino.  Per ogni itinerario ove possibile  vi è riportato  il link a relazioni esterne sul web o  su testi e pubblicazioni specializzate. Prima di partire,specie dopo copiose nevicate, è bene telefonare  ai locali uffici informazione e/o rifugi o guide alpine  per  prendere informazioni circa la viabilità e la percorribilità  dei sentieri Gli interessati possono scaricare il "Manuale dello sci alpinismo "  di oltre 450 pagine,predisposto dal Club Alpino Italiano  che contiene tra le altre  preziose e  approfondite indicazioni sulla valutazione della stabilità del manto nevoso oltre ad una ricca bibliografia.

Elenco percorsi

itinerario quota partenza quota arrivo dislivello versante esposiz. grado diffic. luogo partenza, ubicazione
Monte Upi, Upiakopf 1810 3174 1364 no, s bs Tarces, località Glies, mappa
Punta d'Allitz, Litznerspitze 1680 3206 1606 no, o bsa 2,5 km dopo Tarces, Val Mazia, Maso Tumpascin
Monte dei Corvi, Rabenkopf 1810 3393 1583 s,se bsa Tarces, località Glies, mappa
Cima di Pleres, Pleresspitze 1810 3188 1378   bs Tarces, località Glies,
Cima di Portles, Auessere Potrles Spitze 1810 3074 1250   bsa Tarces, località Glies, mappa
Pizzo Portles di Mezzo, Mittlere Portlesspitze 1824 3160 1336 se bsa Tarces, Val Mazia, Thanalhof, mappa
Ramudelkopf 1810 3340 1500   bsa Tarces, località Glies, mappa
Punta di Saldura 1810 3433 1623   bsa Tarces, località Glies, mappa
Schlandrauner  Schafberg 1710 3010 1300   bs val Silandro  mappa

Scala di difficoltà

MS: Medio sciatore
BS: buon sciatore
OS: ottimo sciatore
MSA: medio sciatore alpinista. Presuppone il superamento di pendii non troppo scoscesi e le difficoltà alpinistiche contenute
BSA: le pendenze sono maggiori, possono arrivare ai 30°-35°su pendii a volte esposti, talvolta  può essere necessario l'uso di corda piccozza ramponi per attraversare ghiacciai, canalini o creste esposte.
OSA: accentuazione delle pendenze sino ai 40°, 45°, difficoltà alpinistiche sostenute.

Coloro che volessero contribuire e suggerire esperienze ed itinerari  lo possono fare inviando foto e relazioni al nostro indirizzo info@veramontagna.it. E' oltremodo gradita la segnalazione di errori o imprecisioni.




Visualizza Oetztaler Alpen, Alpi Venoste di Levante, Schnalskamm in una mappa di dimensioni maggiori
Visualizza Alto Adige Mau in una mappa di dimensioni maggiori