Skip to main content

Home / ALTO ADIGE / AMBITI TURISTICI / Dolomiti / Val Badia / Le Dolomiti di Braies - Pragser Dolomiten

Ultimo aggiornamento: 06/11/2010

Le Dolomiti di Braies - Pragser Dolomiten

Cime, rifugi, traversate e vie di accesso.

Croda Rossa sud

Questa parte delle Dolomiti sudtirolesi è situata tra le Dolomiti di Sesto ad est  separata da esse  dalla Val di Landro (da Dobbiaco a Carbonin) e il Gruppo di Fanes Cunturines ad ovest, diviso da queste dalla Val di Marebbe o Val Tamores. Il limite settentrionale è costituito dalla Val Pusteria nell'area compresa tra S.Lorenzo di Sebato e Dobbiaco.

 A sud le Dolomiti di Braies  sono delimitate  idealmente dalla linea che da Carbonin si sviluppa verso ovest  costeggiando la Croda Rossa d'Ampezzo passa per Podestagno e arriva al Passo di Limo.  Di fronte alla Croda Rossa, a sud est si eleva il Massiccio del Cristallo, dirimpetto a questo, ma verso ovest, le Tofane  che chiudono a nord ovest la piana di Ampezzo.

Lago Braies

 Assieme alle Dolomiti di Fanes (o Fanis) Sennes e  Cunturines il territorio delle Dolomiti di Braies è definito come Parco Naturale di Fanes-Sennes-Braies. Il cuore di queste montagne, anche se in posizione forse  decentrata verso nord, è costituito dall'incantevole  Lago di Braies (Pragser Wildsee), m.1490. Non vi sono cime di particolare interesse alpinistico ad eccezione della Croda Rossa di Ampezzo, m. 3146 e della Croda del Becco, m.2810 che sovrasta il Lago di Braies,il Picco di Vallandro (Duerrenstein), m.2839, ad est, tra la Val di Stolla e la Valletina.

Cadini e Picco Vallandro

Numerosi rifugi costellano tutta la regione: le loro vie di acceso costituiscono anche le migliori opportunità di avvicinamento e di comunicazione tra le varie vallate. Da Ovest si può raggiungere il Rifugio Fodara Vedla  percorrendo la Val di Tamers (Tamores) sino al Rifugio Pederù. Da sud ci si può inoltrare da Podestagno lungo la Valle di Campo Croce sino al Rifugio Ra Stua.

Il punto di avvicinamento privilegiato è la Valle di Braies sino all'omonimo lago, dalle cui rive si dipartono i principali sentieri che attraversano il Gruppo  Dolomitico di Braies.  Interessante è la risalita in direzione nord ovest della Val di Foresta, delimitata a settentrione dalle Cime Mont Nero, Cima dei Colli Alti, Monte Muro sino alla Malga e al laghetto di Fojedora, m. 2114 sentiero 19. Ad est  la Valle di Braies vecchia consente di raggiungere per strada i rifugi della Località Pratopiazza, ottimo punto di partenza per le escursioni sul Gruppo Vallandro-Croda Rossa d'Ampezzo.

I rifugi delle Dolomiti di Braies e Senes

Rifugi Dolomiti di Braies Cime Principali raggiungibili con difficoltà varia, itinerari, traversate località di partenza, sentieri

Rifugio Sennes (Senneshuette), m.2126. tel.0474 501092 info@sennes.com.  Aperto estate ed inverno

Dolomiti di Braies,Dolomiti di Fanes Sennes

Ascensioni: Monte Sela di Sennes, m.2787,ore 2 circa, Col Cadin di Sennes m.2659
 Itinerari e traversate: al Rifugio Biella, m.2327, per s. 6 (alta via n.1), ore 1;  al Lago di Braies per la Forcella di Riciogogn, s,23 e 19, ore 3 circa. Al Rifugio Fodara Vedla, m.1966, per s. 7 e 9, ore 0,40.
Da San Vigilio di Marebbe in auto o bus di linea fino all'Albergo Alpino Pederü 12 Km. Da qui (s. n.7 o Alta Via n.1) circa 2 ore. Da Cortina d'Ampezzo in in auto sino Malga Ra Stua (m 1700) da qui s. n. 6 per la Val Salata, ore 2 (Km 5,5)
Rifugio Vallandro (Duerrensteinhuette), m.2040. Dolomiti di Braies, località Pratopiazza Tel. 0474 972505.  Aperto estate ed inverno Ascensioni: Picco di Vallandro, m.2839, ore 2,30 per s. n.40.  Itinerari e traversate: Al Rifugio Biella, m.2327, per s.3, ore 4,30 circa.  (medesimo tempo anche con la Variante del s. 3 per la Forcella Sora Forno). In Val di Landro per s.34 e la Via Alpina 3, tratti esposti e in galleria. Ore 3 circa. Da Monguelfo verso Braies, sp47 epoi a sin verso Monticello e da qui 7 km di strada per Pratopiazza
 Rifugio Biella (Seekofelhuette), m.2327. Tel.0436866991. Aperto da metà giugno  a fine settembre.
 Dolomiti di Braies, ai piedi della Croda del Becco
Ascensioni: Croda del Becco,  dal Passo Sora el Forn,ore 1,20. Sas dla Para o Lavinores, ore 1,30.Itinerari e traversate: al Rifugio Vallandro, per s,3, ore 4 circa. Al Rifugio Sennes ore 0,45, s.6. Dal Lago di Braies, per s.1, ore 2,45  circa passando per il Lago Seebel e per il "Forno". Dal Rifugio Ra Stua per per s.6 e 26, ore 2,30.
 Dall'Albergo Ponticello (Brueckele) s.4 e 28, ore 3,30 circa

Rifugio Fodara Vedla, m.1972, tel 0474501093. Aperto in estate e da metà marzo in avanti.  rifugio@fodara.it

Dolomiti di Braies Alpe di Fodara Vedla

Ascensioni: Croda Camin, ore 2 circa. Itinerari e traversate: al Rifugio Sennes, per s,7, ore 0,45 circa. Dal Rifugio Pederu, raggiungibile per Strada da San Vigilio di Marebbe, poi s.9, ore 1,15
Rifugio Prato Piazza Berggasthof Plaetztwiese. M.1993 Tel  0474 748650  www.pratopiazza.com/ info@plaetzwiese.com Località Pratopiazza, Braies di Fuori Ottimo punto di partenza per escursioni nelle Dolomiti di Braies e sul Picco di Vallandro. Aperto titto l'anno. Si accede per strada dalla Val Pusteria  seguendo la direzione del Lago di Braies sino a 5 minuti dal Rifugio
Bivacco  Pia Helbig dall'Oglio, Dolomiti di Braies, testata Val Montesela m2253 Ascensioni: Croda Rossa d'Ampezzo, m.3146, difficoltà 2* grado, ore 3 circa; Monte Cadin.
 Itinerari e traversate: Al  Rifugio Biella, ore 1,30 s.0 e s.26. Al Rifugio Fodara Vedla, ritornando a Ra Stua e poi s. 6 e 9, ore 2,30 circa
Dal rifugio Alpe Ra Stua, m.1688 sent nr 0 (dei Cacciatori), ore 2 circa.

I tempi di percorrenza sono  del tutto indicativi e si riferiscono al superamento per ogni ora di cammino, soste escluse, di un dislivello in salita di m.350, m.500 in discesa, km 2,5  di lunghezza nei tratti pianeggianti.  Quando si parla di "sentiero alpinistico" e di "percorso alpinistico" si intende  tracciati che richiedono  capacità di percorribilità e livello di attenzione ed esperienza diverse da quelle  dei sentieri escursionistici, presentano maggiore grado di esposizione ai dirupi, attraversamento di tratti  innevati o su terreno malsicuro.

Le indicazioni qui contenute sono tratte da  testi  o documenti di pubblica consultazione, possono contenere errori  e possono non essere sempre aggiornati sia per le condizioni di percorribilità di strade e sentieri sia per  i recapiti dei rifugi:  si consiglia vivamente  di munirsi di una buona cartina e di verificare periodi di apertura e transitabilità delle vie di accesso.




Visualizza Dolomiti di Braies Senes Fanes Cunturines in una mappa di dimensioni maggiori
|
|